Shopping       Add to Google

Salute e Benessere

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 26 gennaio 2020
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Il Massaggio Sea Malay

Omeopatia: caccia alle streghe

Cefalea pediatrica: trattamento integrato agopuntura e omeopatia

Ciò che tutte le future mamme dovrebbero sapere

Al via la Settimana della Prevenzione Andrologica 2005 promossa dalla SIA

Omeopatia: quando i media applicano due pesi e due misure

Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 [16] 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32

Cefalea pediatrica: trattamento integrato agopuntura e omeopatia

Stampa!

Secondo i dati più recenti, nei bambini in età scolare le crisi dolorose colpiscono circa il 20-25 per cento della popolazione e nei casi più gravi questi episodi minano le capacità del soggetto sia in ambito scolastico che in quello sociale. E’ importante, quindi non sottovalutare il problema quando si presenta e capire qual è la causa del dolore per trovare la cura più idonea. I bambini possono soffrire di mal di testa cronici (cefalea primaria, le cui forme più diffuse sono la cefalea tensiva e l’emicrania) o acuti (cefalea secondaria)[1]. Le cefalee secondarie si presentano una volta ogni tanto e possono essere il sintomo di qualche disturbo quali:

- Infezioni: è il caso della banale influenza, della sinusite (infiammazione dei seni paranasali) o della meningite (infiammazione delle meningi);
- Traumi: dovuti a cadute o piccoli infortuni alla testa;
- Problemi a denti e mandibole;
- Problemi visivi: miopia o ipermetropia.

Il mal di testa nei bambini può essere il segnale concreto di un disagio interiore, così come il pianto è un modo per comunicare agli adulti i propri bisogni, le tensioni e lo stress accumulato[2]. Le motivazioni che sostengono il mal di testa possono quindi essere molte: problemi scolastici, tensioni familiari, bruschi cambiamenti (come la nascita di un fratellino o il cambiamento di città). Il mal di testa influisce molto sulla qualità della vita dei bambini che ne soffrono. Limita le loro possibilità di gioco e divertimento. Influenza il rendimento scolastico e può limitarne la vita sociale[3]. Per questo motivo non devono essere sottovalutati o sdrammatizzati i mal di testa dei bambini e necessario invece rivolgersi con serenità al pediatra non appena compaiono i primi sintomi. Se la crisi dolorosa nasconde una causa psicologica, è necessario capire cosa fa soffrire così tanto un bambino da portarlo ad avere male alla testa. Non bisogna dimenticare che quello che per un adulto può essere un problema da niente, per un bambino può rappresentare un ostacolo insormontabile. Si deve quindi prestare attenzione ai sintomi lamentati dal bambino. Non bisogna colpevolizzarlo o preoccuparlo per come si sente. E’ importante invece cercare di capire i problemi che sono all’origine del suo comportamento e cercare di risolverli nei limiti del possibile. Alle volte è sufficiente prestare un po’ più di attenzione, aiutarlo nei compiti o ancora non sovraccaricarlo di impegni extra-scolastici. Il 50 per cento dei bambini con cefalee abusa di farmaci, in gran parte analgesici[4]. Il 7% ne fa uso ad ogni occasione di mal di testa e gran parte di essi usa gli stessi farmaci che sono stati somministrati ai genitori per il medesimo sintomo[5]. L’abuso farmacologico porta a dipendenza e cronicizzazione della malattia, ma nonostante questo rischio le ricerche mettono in luce che l’automedicamento è una pratica molto diffusa nelle famiglie italiane. Nel 6% dei casi i bambini prendono anche vari tipi di farmaci, spesso con posologia improvvisata dai genitori stessi[6]. Nel 2000 abbiamo pubblicato due lavori che sottolineano efficacia e sicurezza di agopuntura e omeopatia nlle cefalee primarie pediatriche[7] [8]. Negli ultimi 4 anni abbiamo trattato, in modo consecutivo, 19 soggetti di ambo i sessi,di età fra i 6 ed i 13 (3 infanzia), ottenendo risultati positivi (Graf. 1 e 2) nell’81% dei casi, relativamente a intensità e numero delle crisi.







 

In Medicina Tradizionale Cinese (MTC) la cefalea (tou tong; tou feng) è classificabile in rapporto alla causa (esterne, interne ed alimentari), la durata (acute e croniche) e le aree d’interessamento in relazione alla topografia meridianica (Tai Yang, Shao Yang, Yang Ming e Jue Yin)[9]. In età pediatrica, in particolare, si può argomentare che argomentare che il surmenage scolastico o i difficili rapporti parentali provochino un esaurimento progressivo del jing (rigoglioso ma immatura nell’infanzia), determinando un eccesso relativo dello Yang di un Organo con espressione cefalalgica. Passate esperienze indicano che alcuni punti della branca esterna della Vescica Urinaria (detti benshen) soni i più attivi in questi casi[10]. Fra questi i punti più spesso compressi sono:

- BL52 (Zhishi): Vuoto di Jing di Rene: in bambini "sovraccaricati" di responsabilità (genitori ansiosi e pieni d’aspettative).
- BL 49 (Yishe): Vuoto di jing di Milza: in bambini preoccupati, con idee ripetitive, che provengono da nuclei familiari con anancasmi o nevrosi ossessivo-fobiche o compulsive.

Le sedute vanno eseguite settimanalmente, con durata di 30 minuti.

Circa l’omeopatia si sceglie un solo rimedio a bassa potenza (5-7-9CH), somministrato tre volte al dì lontano dai pasti e per una durata di tre mesi[11]. Ecco i rimedi di più frequente impiego e le loro caratteristiche sintomatologiche[12]:

- Actaea racemosa: cefalea occipitale estesa al vertice, aumentata dalla pressione, ridotta dal rumore e dal ciclo mestruale.
- Anacardium orientale: Cefalea dello studente con sensazione di pressione al globo oculare, aumentata dal cibo e ridotta dallo studio.
- Belladonna: dolori acuti, diffusi, pulsanti e lancinanti. Testa pesante, viso rosso, occhi iniettati. Il soggetto spinge la testa indietro e la ruota a destra e a sinistra.
- Bryonia: cefalea congestizia del mattino, con sensazione di cervello che scoppia. Il movimento degli occhi esaspera il dolore. Peggiora con il respiro forzato, la tosse, l’evacuazione, l’assunzione di cibo e sedendosi. La crisi si riduce rimando a letto in una stanza buia.
- Calcarea phosphorica: cefalea degli studenti con crescita rapida.
- China: cefalea con sensazione d’esplosione del capo, esasperata dalla pressione. Cuoio capelluto molto sensibile. Le correnti d’aria aggravano la cefalea e determinano nevralgie.
- Ferrum metallicum: cefalea pulsante con congestione del viso e, al contempo, estremità fredde.
- Gelsemium: cefalea preceduta da disturbi visivi ed accompagnata a depressione e tremore. L’emissione d’urine l’aggrava. Il viso è congestionato, rosso e caldo.
- Glonoine: Il viso è rosso, congestionato. Il dolore insorge dopo un colpo di sole. Il paziente deve restare immobile e con lo sguardo fisso.
- Ignatia amara: sensazione di un chiodo fisso piantato nel capo. I dolori sono scatenati ed acuiti dagli odori e dal fumo di tabacco.
- Iris versicolor: cefalea o emicrania periodica. I dolori compaiono dopo colazione, dopo movimenti rapidi del capo, dopo aver camminato all’aria aperta e sono preceduti da un senso di bruciore ogni occhi con scotomi. E’ più spesso unilaterale e si ripete ad intervalli di alcuni giorni.
- Natrum muriaticum: cefalea cronica che si ripete ogni 2,4,7 giorni, con pulsazioni violente come piccoli colpi di martello. Il dolore è minore al risveglio ed aumenta progressivamente durante il giorno. Tossendo o starnutendo il dolore migliora. La concentrazione e lo studio attenuano il dolore. Sensazione di sabbia e di bruciore agli occhi.
- Nux vomica: cefalea legata ai disturbi gastroepatici o a strapazzi alimentari. si associa a nausea e vomito. Gli sforzi intellettuali, l’aria aperta, la collera, la luce, il rumore il movimento aumentano il dolore.
- Phosphorum acidum: cefalea e stanchezza dopo la scuola o gli sforzi intellettuali.
- Ruta graveolens: cefalea dopo intenso studio, associata a rossore degli occhi.
- Sanguinaria canadensis: emicrania intensa, periodica, ogni sette giorni. Inizia al mattino, raggiunge il massimo alle 12 e si attenua di sera. Il dolore inizia all’occipite e s’irradia in avanti fino ad interessare tutta le testa. Il dolore è fisso alla tempia ed all’occhio destri. Pulsazioni violente del capo con vomito biliare. La luce, i movimenti, gli odori ed i rumori aggravano la forma. Migliora con il silenzio e l’oscurità
Spigelia: cefalea o nevralgia violenta, dall’occipite in avanti, che si fissa ad un occhio, di solito il sinistro. Il dolore è aggravato dal movimento e dalla marcia. Inizia al mattino, si riduce durante il giorno e migliora al tramonto. Dolorabilità ai globi oculari. Non può girare gli occhi senza girare il viso. Intensa lacrimazione.
- Sulfur: cefalea congestizia periodica, spesso durante la domenica ed i giorni di riposo, accompagnata da obnubilazione, nausea, vomito e vertigini. Sensazione di bruciore e calore al capo ed alla pianta dei piedi. Si aggrava di mattino, all’aria fresca e con gli sforzi intellettuali.
- Tubercolinum: Cefalea dopo gli sforzi intellettuali.
- Venus mercenaria: cefalea frontale, sottorbitaria, alternante a destra e a sinistra. Dolori pulsanti e costrittivi, accompagnati da vertigini, acufeni, sonnolenza e disturbi digestivi (flatulenza e costipazione).

Autore: Carlo Di Stanislao

Indirizzo per chiarimenti
Carlo Di Stanislao
E-mail: amsaaq@tin.it
 

Bibliografia
[1] AAVV: Emicrania e cefalea tensiva in età evolutiva, Ed. Franco Angeli, Milano, 2004.
[2] Morelli R., Parietti P., Caprifoglio V.: Cefalea, Ed.Riza, Milano, 1999.
[3] Gallai V., Firenze S., Mazzotta G.: Cefalea giovanile, Ed. Marrapese, Roma, 1993.
[4] Durand P., Cornaglia Ferrarsi P.: Farmaci e bambino. Terapia pediatrica essenziale e principi di farmacologia, Ed. CEA, Milano, 1993.
[5] Heichenwald H.: Terapia Pediatrica. Vol 2, E. UTET, Torino, 1996.
[6] De Matteis M.: Mal di esta e medicine, http://www.guidagenitori.it/guidagenitori/home.jsp?openDocument=2509&parent1=150&parent2=111&docs=111, 2004
[7] Di Stanislao C., Brici P., Galluzzo E., Simongini ., Navarra M.: Cefalea pediatrica: trattamento con agopuntura ed omeopatia, Omeonet, 2000, 2: 8-11.
[8] Di Stanislao C., Brici P., Galluzzo E., Simongini ., Navarra M.: Risultati sull’impiego di agopuntura ed omeopatia in un piccolo campione pediatrico con cefalea persistente, http://www.agopuntura.org/area/rivista/arretrati/Settembre_2000/cefalea_pediatrica.htm
[9] Di Stanislao C..: Le cefalee in agopuntura, in Cefalee: diagnosi e terapia, a cura di V. Gallai, Ed. SISC, Perugina, 2004.
[10] Di Stanislao C., Corradin M., De Berardinis D.: Eziopatogenesi diagnosi e terapia delle cefalee in MTC, Meeting sul Dolore. Agopuntura ed oltre, Jesi, 6 ottobre 2000, Atti, www.sia-mtc.it/Documenti.
[11] Di Stanislao C.. Le Metafore del corpo. Dal simbolo alla terapia, Percorsi integrati di medicina naturale, Ed. CEA, Milano, 2004.
[12] Trapani G.: La cefalea in età pediatrica: possibilità e limiti della terapia omeopatica, Cahiers De Biotherapie, 1999, 1: 23-30.


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


13356