Shopping       Add to Google

Salute e Benessere

 
Fai di Beltade.it la tua Home Page
Aggiungi Beltade.it ai Preferiti

powered byGoogle

Web

Beltade

domenica 19 gennaio 2020
   ARCHIVIO CATEGORIE


   SPOT

Tipicoshop.it prodotti tipici regionali al giusto prezzo
   LE ALTRE NEWS

Dal massaggio al Luppolo al peeling a base di farina di Pino Mugo

Parto naturale, un’occasione meravigliosa

Beltade.it partecipa a BENé – Sentieri di Benessere

La Neuralterapia

Fecondazione medicalmente assistita, interviste e materiali per saperne di più

Con il Cnr la prevenzione scende in... camper!

Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 [19] 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32

La Neuralterapia

Stampa!

La Neuralterapia nacque nel 1925, dopo che i fratelli Walter e Ferdinand Huneke ebbero modo di trattare la sorella Katha - che soffriva di atroci mal di testa - con un nuovo prodotto antireumatico contenente procaina.
Dopo l’iniezione del rimedio ottennero una remissione estremamente veloce e potente di tutta la sintomatologia dolorosa, mentre la formula farmaceutica dello stesso antidolorifico senza la procaina non sortiva l’effetto desiderato.
In pratica era stato scoperto che la procaina, in genere utilizzata come farmaco anestetico locale, aveva avuto un effetto curativo generale!

Nel 1940 F. Huneke ebbe una seconda fondamentale esperienza su di una paziente con una forte infiammazione cronica della spalla sinistra, su cui tutti i trattamenti precedenti non avevano sortito alcun effetto.
Dopo aver iniettato dell’anestetico locale su di una vecchia cicatrice nella gamba destra della stessa paziente, Huneke potè osservare che i dolori nell’articolazione della spalla erano spariti nel giro di pochi istanti e che la paziente aveva riacquisito la completa libertà articolare!

Oggi questo fenomeno e’ ben noto e si chiama "fenomeno secondo": in pratica, l’azione riflessa di un’area disturbata è in grado di generare dei sintomi a distanza e il trattamento di quest’area perturbatrice può annullare tutti i sintomi riflessi.

La Neuralterapia si effettua iniettando una minima quantità di anestetico locale (procaina) in precise zone corporee ed il suo meccanismo d’azione chiama in causa la regolazione del Sistema Nervoso Autonomo (o Neurovegetativo), qualora un alterato flusso di informazioni in questo sistema biocibernetico fosse causa di una malattia.

Oggi sappiamo, infatti, che il nostro organismo può essere paragonato ad un computer estremamente elaborato, in grado di autoregolarsi; talvolta però dei segnali alterati o interrotti possono creare disturbi di ogni genere, anche a grande distanza dall’origine del disturbo.

Questi squilibri nascono nei cosiddetti “campi di disturbo” o “focolai” che molto spesso sono rappresentati da:

- Cicatrici chirurgiche (appendicectomia, taglio cesareo, borsectomie, ecc…)
- Cicatrici da ferita
- Focolai cronici (tonsilliti croniche, denti devitalizzati, sinusiti, focolai batterici misconosciuti)
- Corpi estranei
- Tessuti traumatizzati

A livello fisiologico la Neuralterapia agisce stabilizzando il campo di disturbo, ripristinando il normale potenziale di membrana e ripolarizzando la cellula.
E’ noto, infatti, come ciascuna cellula, per poter funzionare correttamente, abbia bisogno di una differenza di potenziale di membrana attorno ai 90 milliVolts (in pratica esiste una differenza di potenziale elettrico tra la faccia esterna e quella interna della membrana cellulare, che rende la cellula simile ad una batteria in miniatura).
Ogni stimolo provoca una scarica della cellula (depolarizzazione), a cui segue una immediata "ricarica" (ripolarizzazione); capita, però, che di fronte a stimoli troppo forti o troppo ripetuti (chimici o fisici) alcune cellule non riescano più a ripolarizzarsi spontaneamente e ciò comporta una “distonia” rispetto a tutto il tessuto circostante. Tutto ciò può produrre disturbi a grande distanza dal focolaio originario in virtù delle molteplici interconnessioni che esistono nell’organismo.

La Neuralterapia può anche essere utilizzata sotto forma di Terapia segmentale, infiltrando un tratto nervoso, o una sua zona riflessa locale, per agire sulla zona innervata da tale tratto (ad es. infiltrazione di un nervo toracico intercostale in caso di nevralgia da Herpes zoster ), oppure sotto forma di Terapia gangliare, attraverso cioè l’infiltrazione dei gangli del sistema nervoso simpatico.

La Neuralterapia può essere impiegata per tutte le malattie funzionali ed organiche ed è particolarmente efficace nella terapia del dolore. Alcuni utilizzi in particolare:

- cefalee, emicranie, nevralgie
- patologie reumatiche (cervicalgie, lombalgie, sciatalgie, ischialgie, ecc…)
- patologie traumatiche
- infiammazioni articolari sportive
- psoriasi, eczemi (molte affezioni cutanee in gnerale)
- allergopatie (quali sinusiti, riniti, asm, ecc...)
- otiti croniche, labirintiti, acufeni, sindrome di Menière, vertigini
- distonie neurovegetative ed endocrine

Normalmente le sedute hanno una cadenza settimanale e ne vanno effettuate almeno 7-10 (talvolta va ripetuto il ciclo un paio di volte l’anno); solo in alcuni casi particolari, in genere problematiche acute o sequele di eventi acuti, è sufficiente un’unica seduta (una tantum).

Un grazie per la collaborazione a
www.raphaelproject.com/nisalta


SPOT

 | Contacts | Credits | Info | Dicono di Noi | Pubblicità | Disclaimer | Comunicati Stampa | Newsletter |

Tutto il materiale presente in questo sito è Copyright 2000-2007 Info4U s.r.l.. È vietata la riproduzione anche parziale.
Info4U s.r.l. declina ogni responsabilità per inesattezze dei contenuti e per dati non aggiornati.


1797